Giovanni De Pierro suggerisce i concorsi letterari più importanti

L’Italia, patria per eccellenza della cultura, vanta un’importante tradizione letteraria, grazie ai nomi di spicco che arricchiscono la storia della letteratura italiana. In molti, ancora oggi, si cimentano nella scrittura che, da semplice passione, può trasformarsi nel lavoro del domani. Scrittori in erba, autori esordienti o semplici cultori della scrittura possono trovare nella partecipazione ai premi letterari un’importante vetrina, oltre che un’occasione per diffondere e far conoscere i propri scritti ad un pubblico più vasto. 

Infatti, il concorso letterario consente ai partecipanti di ottenere il premio, insieme alla giusta gratificazione e, magari, all’interessamento di una casa editrice, disposta alla pubblicazione dell’opera premiata. Ma quali sono i concorsi letterari italiani più importanti e conosciuti? L’elenco è ricco e variegato, facendo comprendere come si tratti di realtà attive, in grado di coinvolgere e creare un vasto interessamento. Lo abbiamo chiesto a Giovanni De Pierro, che col suo blog “Pulizie Letterarie” offre numerosi spunti di riflessioni agli appassionati dei concorsi di scrittura.

L’elenco si apre con il “Premio Andersen – Il mondo dell’infanzia”, fondato da Gualtiero Schiaffino, che nel 1982 decide di dare vita ad un premio per la letteratura d’infanzia e dedicato all’omonimo scrittore. 

La novità di questo premio è la possibilità di partecipazione aperta a diverse categorie; infatti, il Premio Andersen è aperto non solo agli scrittori, ma anche agli illustratori e agli editori, che però si occupano esclusivamente di contenuti per bambini e ragazzi. Il Premio Bagutta è, invece, il premio letterario italiano più antico. Nacque, infatti, a Milano nel 1926, grazie all’impegno della famiglia famiglia Pepori, nella cui antica trattoria si riunivano molti letterati e artisti. Proprio questo gruppo, ricorda il blogger di Roma Giovanni De Pierro, decise di far nascere il premio, nel corso di una cena nella trattoria Pepori, nominandosi quale giuria e redigendo l’atto di fondazione del concorso su un semplice foglio di carta gialle, tipicamente utilizzato in quei locali. L’intento del circolo della trattoria Pepori era quello di far emergere e, poi, premiare tutti quei libri meritevoli di un riconoscimento e non perché spinti dalle volontà del regime del tempo. Tuttavia, il Premio Bagutta subì un arresto negli anni tra il 1937 e il 1946, al fine di evitare problemi e pericoli ai consociati. La lunga storia ed il prestigio che lo contraddistinguono, permettono al premio Bagutta di essere ancora oggi un riconoscimento letterario di grande spicco. Il Premio Bancarella è, invece, il primo riconoscimento italiano nato per volontà dei librai e non per ispirazione di una schiera di artisti o letterati. Gli inventori di questo riconoscimento, infatti, sono stati i librai pontremolesi, un gruppo di venditori ambulanti che dall’Alta Lunigiana scendevano ogni anno con le loro bancarelle per vendere libri nelle città che incrociavano lungo il percorso. Da questo lavoro individuale ed autonomo, nacque il bisogno di riunirsi almeno una volta l’anno, perché si creasse un’occasione di dialogo e confronto, attraverso cui fare un bilancio della situazione e su come stessero proseguendo i lavori. Il primo ritrovo si è tenuto nell’agosto del 1952 ed è stata proprio questa l’occasione che ha portato alla nascita dell’attuale Premio Bancarella. 

Lo scopo di questo premio, ricorda Giovanni De Pierro, è quello di offrire un riconoscimento a quel libro, in grado di distinguersi per il grande valore letterario, ma soprattutto per la sua capacità di imporsi al mercato per essere venduto. Così, sono proprio i librai, gli interpreti e i mediatori tra le case editrici e il pubblico di lettori i principali giurati del Premio Bancarella. Tra i concorsi italiani più importanti vi è il Premio Bergamo, che è nato nel 1985 e si svolge annualmente. Si tratta di un concorso dedicato alle opere in prosa scritte da autori italiani, ma che devono essere state pubblicate tra il gennaio e il settembre dell’anno precedente. La giuria prevede la presenza di un Comitato Scientifico di grande spicco, che provvede alla selezione dei finalisti e del poi di una Giuria qualificata. Quest’ultima è costituita da cento lettori, centri culturali e classi delle scuole medie e superiori. Altro concorso italiano che si può annoverare tra i più importanti è sicuramente il Premio Bottari Lattes Grinzane. Nato dal Premio Grinzane Cavour e fondato da Francesco Meotto nel 1982, il Premio Bottari Lattes Grinzane ha cadenza annuale dal 2011. Il Premio consta di due sezioni: una dedicata ai migliori libri di narrativa pubblicati nell’ultimo anno, mentre l’altra si rivolge ad un autore internazionale conosciuto, sia dalla critica, sia dal pubblico. Assegnato anch’esso annualmente e molto noto al pubblico, tra i concorsi letterari italiani più importanti vi è il “Premio Campiello”. La prima edizione si è svolta nel 1963 ed ha lo scopo di offrire un riconoscimento di valore a un’opera di narrativa italiana pubblicata nell’anno di riferimento. La Giuria dei Letterati provvede alla selezione dei cinque volumi finalisti, mentre una giuria di lettori, che prende il nome di Giuria dei Trecento, decreta il nome del vincitore finale. Nel 2004, poi, è stata inserita una novità, poiché il Premio Campiello si è arricchito del Premio Campiello Opera Prima, riservato ad un autore esordiente. La partecipazione a questo concorso ha consentito a scrittori già conosciuti e a quelli in erba di aumentare le vendite, con la possibilità per i vincitori di trasporre i propri libri in opere cinematografiche. Concorso letterario di pregio perché dedicato ad uno degli scrittori italiani più conosciuti e letti, il Premio Italo Calvino è un riconoscimento dedicato agli scrittori esordienti inediti. Il Premio Italo Calvino è stato fondato a Torino nel 1985 grazie all’impegno di un gruppo di ammiratori ed amici dell’autore. Infatti, il concorso ha avuto come modello il lavoro editoriale portato avanti da Calvino in Einaudi. La casa editrice, infatti, ha avuto sempre un occhio di riguardo per i scrittori esordienti. Proprio per questo motivo, il Premio svolge il ruolo di mecenate nei confronti degli autori inediti in Italia. La maggior parte delle opere selezionate nel corso del Premio sono poi oggetto di interesse da parte delle case editrici che pubblicano anche narrativa italiana. 

Il Premio Mondello, di caratura internazionale, invece, è stato istituito nel 1975 ed è considerato uno dei concorsi italiani letterari più importanti. Esso è nato grazie all’impegno di un gruppo di intellettuali palermitani con l’obiettivo premiare i migliori libri editi nel corso dell’anno, oltre che di dare vita ad importanti momenti di riflessione e confronto culturale. Nato nel 1954, il Premio Napoli è un concorso a cadenza annuale dedicato alla cultura e alla lingua italiana. Il Premio si suddivide in tre sezioni, la narrativa italiana, la poesia italiana e la saggistica italiana, di cui si occupa una Giuria Tecnica che individua le terne finaliste. Infine, della votazione del vincitore per ciascuna categoria si occupa una Giuria Popolare di lettori molto vasta. Dedicato, invece, alle opere gialle e noir e annoverabile tra i concorsi letterari italiani più importanti è sicuramente il Premio Scerbanenco. Intitolato a uno dei più grandi rappresentanti e precursori del genere in Italia, al concorso possono partecipare tutti gli autori di un romanzo pubblicato entro il corso dell’anno precedente. Infine, chiude l’elenco dei concorsi letterari italiani più importanti il Premio Strega. Tra i più conosciuti e famosi, oltre che tra i concorsi più discussi, il Premio Strega è nato nel 1947 nel salotto letterario di Goffredo e Maria Bellonci all’interno di una cerchia di amici appassionati di letteratura e cultura, al fine di incoraggiare la rinascita culturale del dopoguerra. Il Premio Strega si svolge annualmente ed è assegnato ad un libro di narrativa italiana. Il Concorso riesce ad attirare un’attenzione mediatica importante, con la possibilità per i finalisti ed il vincitore di intercettare un buon numero di lettori.

Ringraziamenti: Giovanni De Pierro Blog Roma.